Skip to content

Premio DofE per i giovani: l’eredità del Duca Filippo di Edimburgo

Nella vita camminava tre passi indietro rispetto a sua moglie Elisabetta II mentre lei, Regina del Regno Unito, faceva la storia. Molti, però, non sanno che il Duca Filippo di Edimburgo, scomparso una settimana fa all’età di 99 anni, oltre ad aver amato e sostenuto per tutta la vita la monarca più importante al mondo, ha avuto un impatto ispiratore per milioni di giovani in tutto il mondo, incoraggiandoli ad essere protagonisti della propria vita e della propria storia, cambiando la loro vita. Il Duca lascia infatti una eredità eccezionale come fondatore del Premio Duke of Edinburgh’s International Award, il principale premio a livello internazionale rivolto ai giovani che riunisce esperienze pratiche e abilità per preparare i giovani alla vita. Fin dalla sua fondazione nel 1956 di più di otto milioni di giovani hanno partecipato al concorso in oltre 140 paesi e territori. Il principe Filippo di Edimburgo è stato il consorte più longevo di un sovrano britannico e ha affiancato la regina Elisabetta in moltissimi viaggi ufficiali nel Commonwealth e nel mondo. Grazie a questi viaggi e al patrocinio offerto a numerose organizzazioni britanniche, il principe Filippo ha avuto un’intensa vita pubblica come rappresentante della corona. Il DofE, attraverso il suo programma formativo, offre ai giovani la possibilità di affrontare le proprie sfide, seguire le proprie passioni, scoprire nuove competenze e fare la differenza nella loro comunità, unendo esperienze pratiche e competenze di vita. Il programma, che mira a ispirare e trasformare la vita dei giovani dai 14 ai 24 anni attraverso il volontariato, le attività fisiche e le spedizioni e opera, si basa sui principi e sulla filosofia del primo centro Outward Bound del Regno Unito, fondato ad Aberdyfi, Gwynedd, nel 1941. Il pioniere del centro era il mentore del Duca, il pedagogista tedesco Kurt Hahn (5 giugno 1886 – 14 dicembre 1974) considerato tra i padri dell’outdoor training e fondatore di alcune scuole che utilizzano ancora oggi il suo metodo. Il premio è volontario, non competitivo, equilibrato e gradevole, e richiede uno sforzo prolungato nel tempo. Ci sono tre livelli di premi: bronzo, argento e oro. I giovani creano in autonomia il proprio programma per il premio, stabiliscono i loro obbiettivi e registrano i propri progressi. L’unica persona contro cui competono è loro stessi, sfidando l’idea dei propri limiti.Scuole, college, università, datori di lavoro, club sociali, organizzazioni giovanili come Scout, Girl Scouts e Girl Guides, istituzioni per giovani autori di reato, organizzazioni religiose, club sportivi e altro ancora gestiscono il Premio.

Per raggiungere il premio i partecipanti devono completare le seguenti sezioni:
Volontariato: intraprendere il servizio agli individui o alla comunità

Fisico: migliorare un’area dello sport, attività di danza o fitness

Abilità: sviluppare competenze pratiche e sociali e interessi personali

Viaggio: pianificazione, formazione e completamento di un viaggio avventuroso nel Regno Unito o all’estero.

Il premio Duke of Edinburgh è il premio più importante al mondo per i giovani. Il suo programma equilibrato di attività sviluppa la mente, corpo e anima in un ambiente di interazione sociale e lavoro di gruppo. Incoraggia i giovani a vivere la vita come un’avventura.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *