Intervista a Federico Zambelli, organizzatore di eventi e CEO di Penguin Industry

by / domenica, 19 febbraio 2017 / Published in Imprenditoria, interviste

Cosa significa diventare imprenditore a poco più di venticinque anni? Lo spiegherà Federico Zambelli, organizzatore di eventi e CEO di Penguin Industry, azienda fondata assieme all’amico e cantante Benjamin Benji Mascolo. Zambelli parteciperà alla fiera del lavoro Ri-Comincio da me, venerdì 24 febbraio 2017 al Foro Boario alle ore 15, per raccontare l’avventura del marchio Penguin Industry. Il titolo del suo intervento “Come avere successo da giovani. Dall’idea al progetto: presentazione del brand “Penguin Industry”.

Assieme a Benjamin Mascolo hai fondato il brand di moda The Penguin Industry. Puoi raccontarci come è nata l’idea di questa attività di successo?
L’idea in realtà è nata ormai sette anni fa, nel lontano 2010. All’epoca era un piccolo brand, gestito da giovani sedicenni con tanta voglia di mettersi in mostra.Eravamo alle prime armi, ma il nostro progetto prese piede in tutta la città in poco tempo, sopratutto grazie ad un negozio chiamato Big Ben.Purtroppo fummo costretti a mettere nel comodino questa nostra iniziativa per la partenza di Benjamin in Australia, dove stette due anni e mezzo prima di fare il suo ritorno.Una volta ristabilitosi in città, ebbi di nuovo l’intuizione di poter far rinascere il nostro brand.Ci sedemmo ad un tavolo ed iniziammo ad riprogettare ciò che avevamo dovuto fermare per forze maggiori.L’idea era quella di rianimare un brand che aveva già in passato dimostrato di funzionare ed ovviamente di migliorarlo, di poter renderlo unico.

In base alla tua esperienza, cosa significa per te essere un imprenditore a 25 anni e assumersi le responsabilità e l’impegno che la conduzione di un’azienda comporta?
Ventiquattro anni, il 10 aprile, per l’esattezza.Per me è un sogno ad occhi aperti.Mi spiego meglio:non considero un peso stressante o intimidatorio essere un imprenditore, anzi!Per me è un privilegio e un continuo stimolo poter dimostrare con le mie forze cosa si può realizzare con la propria forza di volontà.E’ anche ovvio che ciò comporti tanti rischi, ne sono pienamente a conoscenza, ma il mio motto di vita è sempre stato quello di mettersi in gioco,credere in me stesso e nel team di persone che mi accompagnano in ogni avventura lavorativa .Sono pienamente convinto che il sacrificio, il rimboccarsi continuamente le maniche e il non sedersi mai su una poltrona possa portare veramente a risultati soddisfacenti.Tanti giovani hanno una idea ma, spesso non sanno “venderla”.

Come trasformare le idee in opportunità di business? E i punti deboli (inesperienza) in punti di forza?
Sicuramente l’inesperienza è la base che ci accomuna quando si cerca di iniziare il proprio percorso.L’appoggio a persone più esperte o la semplice informazione personale prima di avventurarsi in qualcosa di nuovo è la mossa più intelligente da attuare.La disinformazione e il non tenersi costantemente aggiornato su ciò che si vuole intraprendere è la chiave del fallimento.

Quanto può aiutare un giovane la conoscenza del linguaggio del web nell’affermarsi nel mondo del lavoro?
Ad oggi credo sia vitale, il nostro mondo in questo momento ha un attività web elevatissima. Più che altro è un mezzo che se utilizzato nella maniera più intelligente può permetterti di arrivare a migliaia di persone in un istante, cosa che in passato non era assolutamente possibile.A mio avviso bisogna sapere stare al passo dei tempi, per non rimanere indietro e magari perdere occasioni semplicemente perché non si da considerazione ad un settore (quello online) che attualmente sta generano in tutto il mondo una mole di lavoro continua.Oltre al creare ed innovare lavori di ogni tipologia.

Cosa suggerisci ai giovani che desiderano intraprendere in autonomia un’attività imprenditoriale fuori o dentro il web?
Consiglio di provarci e di non aver timore di fallire. Siamo nati per realizzare ciò che desideriamo, ma il più delle volte ci facciamo fermare dagli ostacoli della vita. Beh, io sono pienamente convinto che questi ostacoli possano essere superati per continuare la corsa verso i nostri sogni. Consiglio soprattutto di non abbattersi ai primi problemi, di non deprimersi alle prime difficoltà e di non arrendersi se i risultati non arrivano.La costanza e la determinazione sono il punto focale dell’imprenditoria.

Fatal error: Uncaught Exception: 190: Error validating application. Application has been deleted. (190) thrown in /web/htdocs/www.viceversa-go.it/home/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273